• PP evolution boost estivo giugno 2024
  •  
 
Economia

Criptovalute: Mt.Gox, dieci anni dopo il fallimento, comincia a rimborsare i creditori

Redazione
A dieci anni dal suo fallimento, Mt. Gox, un tempo lo scambiatore di criptomonete più importante in campo globale, ha dichiarato di avere iniziato a effettuare pagamenti in bitcoin e in bitcoin cash ad alcuni dei suoi creditori.
Un tempo la più grande piattaforma di scambio di criptovalute al mondo, Mt. Gox ha dichiarato bancarotta nel febbraio 2014 dopo una serie di furti telematici per i quali sono spariti fino a 950.000 bitcoin, per un valore di oltre 58 miliardi di dollari ai prezzi odierni.

Criptovalute: Mt.Gox, dieci anni dopo il fallimento, comincia a rimborsare i creditori

Con il suo annuncio, la società ha anche reso noto che i rimborsi agli altri utenti dell’exchange hackerato sarebbero stati ''effettuati tempestivamente'' se avessero soddisfatto determinate condizioni, tra cui la verifica dell’account e la sottoscrizione di uno degli exchange di asset digitali designati attraverso i quali la massa fallimentare sta facilitando gli esborsi in token digitali.
“Chiediamo ai creditori idonei alla riabilitazione di aspettare un po’”, si legge nella nota.
Mt. Gox ha attribuito la scomparsa di bitcoin a un bug nel framework della criptovaluta. Mentre gli utenti ricevevano messaggi di transazione incompleta quando accedevano all’exchange, le monete potrebbero essere state in realtà spostate illecitamente dagli hacker dai loro account, ha affermato Mt. Gox.

Dopo aver dichiarato bancarotta, sono stati recuperati 140.000 bitcoin mancanti, il che significa che circa 9 miliardi di dollari in bitcoin saranno restituiti ai proprietari, ai prezzi odierni. Al momento della bancarotta, il bitcoin veniva scambiato a circa 600 dollari. Oggi vale più di 54.000 dollari, un aumento di quasi il 9.000%.
Secondo alcuni analisti, il piano di rimborso di Mt. Gox potrebbe determinare forti vendite di bitcoin , anche se è probabile che ciò sarebbe di breve durata, con ulteriori guadagni di prezzo più avanti quest’anno e all’inizio del 2025.
Ti potrebbero interessare...
19/07/2024
Redazione
Pernod Ricard cede parte della sua attività vinicola, per concentrarsi sui liquori
19/07/2024
Redazione
Amazon: nel primo giorno del Prime Day in America spesi 7,2 miliardi di dollari
18/07/2024
Redazione
La Bce non interviene sui tassi di interesse, non ancora sconfitta l'inflazione
18/07/2024
Gruppo Hera
Gruppo Hera e Fincantieri: siglata una partnership per l'economia circolare