• PP evolution boost estivo giugno 2024
  •  
 
Economia

Covid-19: gli aiuti statali a Lufthansa all'esame della Commissione europea

Redazione
La commissione europea sta conducendo un'indagine sugli aiuti di Stato miliardari a favore di Lufthansa durante la pandemia di coroma virus. Lo riferisce la stampa economica tedesca, secondo cui l'esame ha lo scopo di chiarire se l'aiuto fosse conforme alle norme europee.
La commissione ha inizialmente approvato gli aiuti nel 2020. Il tribunale dell’UE, dopo una causa da parte di Ryanair, ha dichiarato nulle tali erogazioni. Lufthansa ha nuovamente presentato ricorso contro questa sentenza.

Covid-19: gli aiuti statali a Lufthansa all'esame della Commissione europea

La commissione sta ora rivedendo nuovamente la sua decisione e vuole tenere conto del potere di mercato di Lufthansa negli aeroporti di Vienna e Düsseldorf. Tuttavia, l'autorità sottolinea che l'avvio di un'indagine non dice nulla sul suo esito. Lufthansa non ha commentato la decisione.

Probabilmente c'è una ragione principale per cui le autorità garanti della concorrenza stanno ora avviando un'altra indagine sugli aiuti di Stato: la Commissione vuole finalmente rendere il caso giuridicamente sicuro. La Corte dell’UE ha criticato in particolare l’insufficiente motivazione nel 2020. La Commissione deve apportare miglioramenti in questo ambito. Con l'indagine, le autorità di vigilanza della concorrenza a Bruxelles mostrano ora che ciò accade sulla base di una nuova analisi dei dati.

Le restrizioni ai viaggi durante la pandemia avevano praticamente bloccato le attività di Lufthansa. Nel gruppo con circa 138.000 dipendenti erano a rischio decine di migliaia di posti di lavoro. Ecco perché nella primavera del 2020 lo Stato ha sostenuto la più grande compagnia aerea tedesca.
Germania, Austria, Svizzera e Belgio avevano promesso al gruppo Lufthansa aiuti per un totale di nove miliardi di euro, che però non sono stati interamente utilizzati.

La maggior parte della somma proveniva quindi dalla Germania. Sei miliardi di euro, compreso un pacchetto azionario del 20% e partenariati taciti, sono andati al Fondo di stabilizzazione economica (WSF) di proprietà federale, mentre la banca statale KfW ha contribuito con un prestito di un miliardo di euro. I partner europei hanno aderito al patto di aiuto solo in un secondo momento.
L’impresa salvata aveva rimborsato integralmente l’aiuto entro la fine del 2022 e lo aveva parzialmente sostituito con il proprio debito. Il capo della Lufthansa Carsten Spohr ha spiegato che preferirebbe essere in debito con il mercato piuttosto che con i contribuenti. Il risultato finale è che lo Stato tedesco non ha perso denaro, anzi ha realizzato un profitto di circa 760 milioni di euro dagli interessi e dalla vendita di azioni.
Ti potrebbero interessare...
19/07/2024
Redazione
Pernod Ricard cede parte della sua attività vinicola, per concentrarsi sui liquori
19/07/2024
Redazione
Amazon: nel primo giorno del Prime Day in America spesi 7,2 miliardi di dollari
18/07/2024
Redazione
La Bce non interviene sui tassi di interesse, non ancora sconfitta l'inflazione
18/07/2024
Gruppo Hera
Gruppo Hera e Fincantieri: siglata una partnership per l'economia circolare