• PP evolution boost estivo giugno 2024
  •  
 
Esteri

Argentina: non più solo parole

Trevor Yates, Investment Analyst di Global X

Dopo ottant’anni di politica dominata dal perronismo/kirchnerismo, caratterizzata da alta inflazione, bassa crescita e cinque default dal 1982, l’Argentina sta attraversando un potenziale punto di svolta – guidato dal presidente Javier Milei e dalle sue politiche “motosega”. Da quando è entrato in carica il 10 dicembre 2023, il presidente Milei ha compiuto progressi significativi nel suo piano per riportare l’economia argentina all’ortodossia. Ha sorpreso molti con la sua capacità di negoziare con successo con altri partiti, ottenendo rapidamente traguardi legislativi significativi.

Traguardi legislativi sotto il presidente Javier Milei

• Svalutazione: nel tentativo di ritornare a un sistema di libero mercato, Milei ha permesso che il peso si svalutasse di oltre il 50% il 13 dicembre 2023 e da allora lo ha lasciato svalutare a un ritmo di circa il 2% ogni mese, una politica che probabilmente rimarrà in vigore anche in futuro. Una valuta fluttuante è fondamentale per riportare la fiducia nel mercato, e la svalutazione ha stimolato le esportazioni, portando a un miglioramento della bilancia commerciale.

• Politica monetaria: la svalutazione iniziale si sarebbe dovuta tradurre in un picco di inflazione, ma la banca centrale di Milei ha agito in modo ortodosso aumentando inizialmente i tassi per contenerlo.

• Inflazione: poiché la svalutazione iniziale ha causato un'impennata dell'inflazione, abbiamo assistito a un brusco rallentamento degli aumenti su base mensile (MoM).

• Adeguamenti fiscali: Milei ha tagliato la spesa fiscale irresponsabile, portando al primo surplus di bilancio trimestrale dell'Argentina dal 2008.

• Fondo monetario internazionale (FMI): il presidente Milei ha ripristinato con successo un accordo con il FMI, sbloccando fondi per 3,3 miliardi di dollari.

• Progetto di legge Omnibus: il 12 giugno il Senato ha approvato questo atto legislativo fondamentale che comprende politiche e riforme economiche fondamentali.

 

La proposta di legge Omnibus: una piacevole sorpresa

Il 12 giugno 2024, il Senato argentino ha approvato con successo l’Omnibus Bill, un atto legislativo di ampio respiro incentrato su tagli ai costi, riduzione della burocrazia e un governo più piccolo – politiche fondamentali per gli obiettivi economici della sua amministrazione. Nonostante il disegno di legge sia stato “annacquato”, siamo stati sorpresi dalla capacità di Milei di negoziare con successo con il Congresso al fine di approvare tempestivamente questo significativo atto legislativo. Inoltre, anche nella sua forma attuale, il disegno di legge è estremamente completo, con misure che affrontano questioni fondamentali come la riforma fiscale e del lavoro, le privatizzazioni e la creazione di un nuovo quadro fiscale per i grandi investimenti. Consideriamo fondamentale anche la tempistica dell’approvazione del disegno di legge, poiché le riforme probabilmente daranno i loro frutti e garantiranno il sostegno pubblico in vista delle imminenti elezioni di medio termine. Il disegno di legge sarà ora rinviato alla Camera bassa, dove si attende la piena approvazione nelle prossime settimane.

I mercati premiano il progresso

I primi mesi in carica di Milei sono stati impressionanti e, a loro volta, sono stati premiati dai mercati, con azioni e obbligazioni sovrane che hanno registrato forti guadagni nei primi cinque mesi del 2024. L’azione dei prezzi del tasso di cambio parallelo (noto anche come Blue-Chip Swap) in Argentina è stato positivo, il suo premio è rimasto all'incirca al tasso di cambio ufficiale. Guardando al futuro, prevediamo che i mercati manterranno l’attenzione sul continuo progresso sulle riforme, sulla decelerazione dell’inflazione e sull’aumento del sostegno pubblico a Milei.


Conclusione: ancora all'inizio del turnaround

Nonostante i progressi già impressionanti, crediamo che ci siano più opportunità per l’amministrazione Milei. Riteniamo che continuerà a muoversi rapidamente per ottenere sostegno in vista delle cruciali elezioni di medio termine. L’azione dei prezzi nel tasso di cambio parallelo dovrebbe consentire una rimozione più agevole dei controlli valutari, un passo fondamentale affinché l’Argentina possa attrarre investimenti diretti esteri. Nel complesso, riteniamo che la tesi di investimento a lungo termine dell’Argentina rimanga sostanzialmente intatta, evidenziando la normalizzazione della politica economica, la sua ampia base di risorse naturali e la bassa penetrazione del credito come fattori chiave per sbloccare il vero potenziale del paese.

Ti potrebbero interessare...
19/07/2024
Redazione
L'America che vuole JD Vance: isolazionista, autarchica. Insomma, più sola
22/07/2024
Redazione
Cina: la banca centrale cinese taglia i tassi
24/07/2024
Redazione
Quale eredità Joe Biden lascerà all'America?
24/07/2024
Redazione
Alphabet supera le stime di fatturato e utili