Economia

Biotech: Illumina approva lo spin-off di Grail

Il consiglio d'amministrazione di Illumina, l'azienda di biotecnologia con sede in California, ha approvato lo spin-off di Grail. Lo ha reso noto la società produttrice di macchine per il sequenziamento genetico, mentre l'accordo per riportare la società nel suo perimetro ha dovuto affrontare un immenso controllo antitrust e l'opposizione dell'investitore Carl Icahn.

Biotech: Illumina approva lo spin-off di Grail

Gli azionisti riceveranno un'azione ordinaria di Grail ogni sei azioni di Illumina, che manterrà una partecipazione del 14,5% nell'unità dopo lo scorporo del 24 giugno.
Le azioni di Illumina, dopo l'annuncio, sono aumentate del 4% nell'extended trading.

Il produttore di macchine per il sequenziamento genetico ha fondato Grail e l’ha scorporata nel 2016 , ma l’ha riacquistata nel 2021 per 7,1 miliardi di dollari per entrare nel mercato della diagnosi precoce del cancro.
L'accordo è stato contrastato dalle autorità di regolamentazione antitrust per le preoccupazioni che Illumina avrebbe impedito ai rivali di Grail di accedere alla sua tecnologia per sviluppare test concorrenti per la diagnosi precoce del cancro basati sul sangue.

L’autorità di regolamentazione dell’UE aveva multato Illumina per la cifra record di 432 milioni di euro nel luglio dello scorso anno da quando aveva concluso l’acquisizione prima di ottenere l’approvazione dell’antitrust.
Le spese superiori alle aspettative di Grail e i ritardi nell'avanzamento dei test hanno anche costretto Illumina a subire delle svalutazioni, come ha affermato Icahn a dicembre, per 4,7 miliardi di dollari.
Ti potrebbero interessare...
17/06/2024
Banche, Spagna: l'assalto di BBVA costringe Sabadell a rinviare l'operazione con Nexi
17/06/2024
Cybertec e Auxiell uniscono le forze al servizio delle imprese manufatturiere che vogliono...
19/06/2024
Un calo per l’azionario francese potrebbe essere un’opportunità per l’Italia
17/06/2024
Cnpr forum, giovani e terzo settore protagonisti per lo sviluppo delle periferie