Esteri

I mercati indiani, a livelli record, scommettono sulla vittoria di Modi

I mercati azionari indiani hanno toccato oggi livelli record, sulle ali della pressoché certa vittoria del primo ministro uscente, Narendra Modi, alle elezioni politiche nazionali.
L'indice di riferimento indiano Sensex e il più ampio indice Nifty 50 sono balzati ciascuno di oltre il 3% nei primi scambi odierna, dopo che l'elefantiaca macchina per le elezioni generali, protrattesi per settimane, ha quasi concluso le operazioni di spoglio.

I mercati indiani, a livelli record, scommettono sulla vittoria di Modi

Della vittoria lo stesso Modi si è detto certo, quando, sabato, le urne si erano da poco chiuse. ''Posso dire con sicurezza che il popolo indiano ha votato in numero record per rieleggere il...governo", ha scritto su X sabato.
I risultati verranno ufficializzati nella giornata di domani. Secondo gli analisti, il partito di Modi, che nelle elezioni aveva ottenuto 303 seggi in parlamento, supererà ampiamente questa soglia, anche se non è ancora sicuro che otterrà la maggioranza parlamentare che possa consentire al primo ministro di modificare la Costituzione. Comunque, la vittoria scontata di Modi ha alimentato l'ottimismo dei mercati.

L’impennata delle azioni arriva anche dopo che venerdì l'India ha pubblicato dati eccezionali sulla crescita economica che, nell'anno fiscale chiusosi a marzo, è cresciuta di oltre l'8%, consolidando lo status del paese come l'economia con la crescita più rapida del mondo.
Secondo le previsioni, l'India si espanderà ad un tasso di almeno il 6% nei prossimi anni, ma gli analisti affermano che dovrà raggiungere una crescita dell’8 % o più se vuole diventare una superpotenza economica.
Gli investitori sperano che se Modi otterrà un’ampia maggioranza in parlamento, il suo governo avvierà le riforme fondamentali sulla terra e sul lavoro necessarie per la prossima fase di crescita.
Ti potrebbero interessare...
21/06/2024
Biden alza il livello dello scontro con Mosca: vietata la vendita in Usa del software Kasp...
19/06/2024
La Banca d'Australia lascia inalterati i tassi
21/06/2024
La Banca del Giappone lancia un allarme sul rapporto tra tassi e crediti
20/06/2024
Regno Unito: la Banca d'Inghilterra lascia invariato il tasso di interesse