Volano risultato operativo (+37,1%) e utile netto (+42%)

Poste Italiane
Ricavi semestrali 2021 sopra i livelli pre-pandemia

 
Matteo Del Fante


Ricavi al di sopra dei livelli pre-pandemia, pienamente in linea con i trend previsti dal Piano strategico ‘24SI’ e in crescita del 14% nel primo semestre 2021, con un’accelerazione a +18,7% nel secondo trimestre. Risultato operativo semestrale in aumento del 37,1% a 429 milioni di euro, più che triplicato su base annua se si considerano i risparmi una tantum realizzati sui costi nel secondo trimestre del 2020. Utile netto del primo semestre in volo a + 42%. Bastano questi dati a mostrare come la semestrale 2021 del Gruppo Poste Italiane si possa davvero definire ottima e di come il Piano strategico ‘24SI’ sia partito con il piede giusto.Un Piano strategico, ’24SI’, presentato alla comunità finanziaria lo scorso 19 marzo e che è basato sulla capacità di adattamento ai cambiamenti e di intercettare i bisogni emergenti della clientela facendo leva sui trend di business emergenti. Il Piano mira a confermare il ruolo dell’azienda quale ‘pilastro strategico’ per il Paese, con una rinnovata attenzione ai temi di sostenibilità delle strategie aziendali e di omnicanalità dei modelli di servizio. “I nostri risultati del secondo trimestre - afferma Matteo Del Fante, Amministratore delegato e Direttore generale di Poste Italiane - testimoniano la proficua implementazione del Piano strategico ‘24SI’, evidenziando la solidità delle nostre reti fisiche e digitali e i continui progressi sulle priorità strategiche che ci siamo attribuiti”. Tre le ‘tappe chiave’ che indica Del Fante e che “riducono o in modo sostanziale il rischio di execution relativo al nostro piano”. La firma a luglio un nuovo contratto collettivo di lavoro di Gruppo che sarà in vigore fino al 2023; il rinnovo, all´inizio del 2021, della partnership triennale con Amazon, che consente una crescita dei volumi e dei ricavi, “bilanciando i volumi delle aree urbane e rurali e introducendo servizi a più alto valore aggiunto come le consegne programmate”; il contratto sul Servizio universale che copre l´intero arco di piano, integrando le iniziative ‘Next Generation Ue’ con le nuove soluzioni digitali e una accresciuta cooperazione con i piccoli comuni. Un di business diversificato che continua a produrre ottimi risultati finanziari, con un utile netto di 773 milioni di euro nei primi sei mesi dell´anno e che, a soli quattro mesi dal lancio del piano strategico ‘24SI’, permette chiara visibilità sul conseguimento della guidance indicata al mercato per il 2021. Il quadro del mix dei ricavi è cambiato in modo sostanziale, con il calo della corrispondenza compensato dal consolidamento di Nexive e dal cospicuo aumento dei ricavi da pacchi; i servizi finanziari e assicurativi hanno subito un calo relativo all´impatto dei tassi di interesse ultra-bassi che è stato più che compensato dall’attenzione alla distribuzione di prodotti di investimento e in particolare ai prodotti assicurativi del Ramo Vita. I ricavi di Pagamenti e Mobile sono cresciuti in modo sostanziale, supportati dalla digitalizzazione in corso dei pagamenti. Più in dettaglio, il risultato operativo (Ebit) del semestre si attesta a 1 miliardo di euro (+37,1% rispetto allo stesso periodo 2020), supportato dai prodotti assicurativi, dalla crescita della corrispondenza e dei pacchi e dai pagamenti con carta. L’utile netto semestrale cresce del 42%% a quota 773 milioni di euro; le attività finanziarie totali (Tfa) ammontano a 576 miliardi, in linea con gli obiettivi previsti per il 2021, grazie ad una raccolta netta di 5,8 miliardi e spinte dai prodotti assicurativi multiramo del comparto vita. Quanto all’evoluzione prevedibile della gestione, i positivi risultati economico-finanziari del primo semestre 2021 mettono l’acceleratore alla direzione strategica del Gruppo Poste Italiane indicata dal Piano ‘24SI’, imprimendo un nuovo scatto in avanti alla capacità di adattamento ai cambiamenti e di intercettare i bisogni emergenti della clientela facendo leva sui trend di business emergenti. Il Gruppo, inoltre, proseguirà il percorso di evoluzione dell’offerta per l’ingresso nel mercato dell’energia previsto nel corso del 2022 e per lo sviluppo dei segmenti strategici dei pacchi, della monetica, della protezione, del motor e del broadband. Inoltre, a supporto della ripresa economica, il Gruppo proseguirà nell’acquisto dei crediti di imposta legati al decreto ‘Rilancio’.

  


Copyright 2021 Euroborsa s.r.l.s. - INFO - REDAZIONE