Confermate le linee di sviluppo industriale

Fincantieri
Risultati primo semestre 2018

 
Giuseppe Bono (AD)


I risultati del primo semestre 2018 realizzati da Fincantieri confermano le linee di sviluppo identificate nel nuovo Piano industriale 2018- 2022 presentato a fi-ne marzo. Con volumi produttivi e marginalità in crescita, il Gruppo conferma la propria leadership nei settori della navalmeccanica ad alta tecnologia conti-nuando ad evidenziare una rilevante capacità di creare valore pur operando in un settore estremamente complesso. Il primo semestre 2018 chiude con ricavi di oltre euro 2,5 miliardi (+10%), un EBITDA di euro 183 milioni (+25%) con una marginalità che si attesta al 7,3% in aumento del 16% (6,3% al 30 giugno 2017), un Risultato del periodo adjusted di euro 39 milioni (+39%), un Risultato netto positivo di euro 15 milioni (+36%) e un Indebitamento finanziario netto di euro 264 milioni in miglioramento rispetto al 31 dicembre 2017. Il carico di lavoro complessivo, che ha raggiunto il livello record di euro 29,8 miliardi, con un backlog di euro 22 miliardi e 99 unità in portafoglio (in consegna al 2026) ed un soft backlog di circa euro 8 miliardi, per più della metà trasformato in ordini nel mese di luglio confermando la storica capacità del Gruppo di trasformare il soft backlog in carico di lavoro. Il carico di lavoro complessivo consente a Fincantieri di avere una visibilità per i prossimi anni in termini di lavoro assicurato per tutti i cantieri italiani e di consolidare la propria leadership a livello mondiale. Dal punto di vista commerciale, nell’ambito del business delle navi da crociera, il Gruppo ha formalizzato un ordine con l’armatore Viking per la costruzione di 2 unità ripetute (parte della serie di 8 precedentemente commissionate) e un’opzione per la costruzione di 6 navi, evoluzione tecnologica delle precedenti (che, se esercitate, porterebbero a 16 il numero complessivo di unità costruite in partnership dalle due società). Il Gruppo ha inoltre siglato un contratto con Silversea per la realizzazione di un’unità extra-lusso , la terza della serie “Muse”. Nel mese di luglio 2018 si registra l’esercizio dell’opzione per la costruzione della quinta e sesta unità della serie “Leonardo” per l’armatore Norwegian Cruise Line, in aggiunta alle quattro precedentemente commissionate, e la conferma dell´ordine di una nave di prossima generazione destinata allo storico brand di lusso Cunard. Nello stesso mese, il Gruppo ha sottoscritto un Memorandum of Agreement per la costruzione di 2 navi da crociera per la società armatrice Princess Cruises, che saranno le più grandi costruite in Italia, e ha ottenuto un ordine per la realizzazione di 2 navi da crociera di nuova concezione per un nuovo brand, Tui Cruises (joint venture tra i gruppi Tui Ag e Royal Caribbean Cruises). Queste ultime quattro navi, che rappresentano le prime unità cruise con alimentazione a LNG, saranno all’avanguardia sotto il pro lo tecnologico e di sostenibilità costruite dal Grup-po. Tali accordi dimostrano la riconosciuta capacità di Fincantieri di distinguersi nel panorama della cantieristica mondiale per capacità di innovazione e di attrarre e fidelizzare nuovi clienti. In campo militare proseguono le attività di produzione per il programma di rinnovo della otta della Marina Militare Italiana e le attività di progettazione per la maxi commessa per il Ministero della Difesa del Qatar. Inoltre, il Gruppo ha acquisito dalla US Navy il contratto per lo sviluppo di una versione personalizzata del progetto FREMM per le nuove fregate multiruolo di futura generazione del programma FFG(X). Nel mese di luglio, la controllata Marinette Marine Corporation (in un consorzio guidato da Lockheed Martin), ha ottenuto un ordine dal governo statunitense per l’avvio della progettazione di dettaglio e la pianificazione per la costruzione di quattro unità Multi-Mission Surface Combatants. Il Gruppo prevede risultati per l’esercizio 2018 in linea con le proiezioni economico- finanziarie comunicate in sede di presentazione del Piano Industriale 2018-2022. La crescita dei ricavi prevista nel secondo semestre consente di confermare l’obiettivo di incremento dei ricavi del 3-6% su base annua con una marginalità pari a circa il 7,5%. Confermato anche l’obiettivo di marginalità compresa tra 1,8% e 2% per l’utile netto adjusted. La Posizione finanziaria netta si attesterà a ne 2018 tra euro 400-600 milioni a debito, in aumento rispetto al dato del semestre, in coerenza con la costante crescita delle dimensioni e del valore delle unità cruise in costruzione e con il relativo calendario delle consegne. Per quanto riguarda il settore Shipbuilding, nella seconda metà del 2018, la Società prevede la consegna di 5 navi tra cui 1 nave da crociera e 4 unità appartenenti all’area di business delle navi militari, la piena operatività del programma di rinnovo della otta della Marina Militare italiana, nonché l’avvio delle attività di produzione relative alla commessa per il Ministero della Difesa del Qatar. Nel settore Off shore, si pre-vede la prosecuzione delle attività di costruzione relative al backlog acquisito frutto della strategia di diversificazione attuata e la relativa continua focalizza-zione sull’esecuzione finalizzata al recupero di marginalità nel medio termine. Permane inoltre la profonda crisi del settore Oil&Gas, che potrebbe avere ri-flessi anche sugli ordini acquisiti. Nel 2018, per il settore Sistemi, Componenti e Servizi, si prevede la conferma del trend di crescita dei ricavi, grazie allo sviluppo del backlog relativo al rinnovo della otta della Marina Militare italiana, della commessa Qatar e dei maggiori volumi per la produzione di cabine e aree pubbliche a supporto del business delle navi da crociera.

  


Copyright 2019 Devaro s.r.l. - INFO - REDAZIONE